AZIENDA AGRICOLA di Nadia Castagnoli

La storia

L’amore per gli animali e la terra ha trasformato una famiglia di costruttori edili in allevatori. Nel 1983, ad appena 20 anni, Nadia Castagnoli decide di buttarsi, quasi per scherzo, in un’avventura, che, oggi, dopo tanti sacrifici, si è trasformata in una vera e propria attività imprenditoriale.

Partendo da una piccola stalla costruita dal padre, Nadia ha avviato e fatto crescere un allevamento di capi di razza Frisona, in cui oggi si producono circa 15 quintali di latte al giorno, impiegati dalla Centrale nella produzione dei derivati del latte.

Accanto a Nadia, a lavorare ogni giorno, condividendo gli stessi sforzi e la stessa passione, ci sono la sorella Manuela e la giovane figlia di Nadia, Beatrice. 

Nel 2018 l’azienda ha avviato l’iter per la conversione alla produzione biologica.

Il rispetto per l’ambiente, la cura dell’allevamento, i controlli sul latte

L’azienda fa un ridotto uso di disinfettanti e consuma acqua proveniente da un pozzo interno, regolarmente soggetto a controlli chimici e batteriologici.
Questa cascina lavora in regime di autocontrollo, sistema che obbliga l’azienda stessa e anche i fornitori, a segnalare eventuali anomalie del latte prodotto. Ciò non significa che il latte non venga sottoposto a controlli. Tutt’altro. Giornalmente gli addetti della Centrale, in fase di ritiro del prodotto, eseguono un primo test sul latte. Il prodotto viene, poi, analizzato in maniera più approfondita nei laboratori dello stabilimento e questo iter particolarmente rigoroso permette di individuare rapidamente, a poche ore dalla mungitura, eventuali elementi critici.
L’intera catena di allevamento e produzione è soggetta, inoltre, ai controlli dell’Apa di Pavia (Associazione Provinciale Allevatori) e dell’Azienda Sanitaria Locale.